La Strumentalizzazione di Contenuti Digitali “Algoritmicamente” Manipolati: Rischi e Misure di Attenuazione

07.10.2020 • 16.30
a cura di ETH Center for Security Studies
Contenuto streaming

shutterstock_1128653108

Il contributo riguarda l’impiego malevolo di contenuti digitali (video, audio, immagini o testo) che sono stati manipolati attraverso il ricorso a tecniche/tecnologie di machine/deep learning e che sono comunemente conosciuti come “media sintetici” o “deepfake”. Esso offre una riflessione circa le principali modalità di strumentalizzazione di tali contenuti  che, per obiettivi e portata, risulti potenzialmente idonea a compromettere il processo decisionale in organizzazioni più o meno complesse. Il contributo mira a: (i) qualificare meglio la natura e portata della minaccia che dalla di cui sopra strumentalizzazione deriva; (ii) evidenziarne i rischi; (iii) delineare le possibili misure di attenuazione di detti rischi

Azienda promotrice:

CSS-m100y100_gross

ETH Center for Security Studies

Il Center for Security Studies (CSS) del Politecnico federale di Zurigo è un centro di competenza per la politica di sicurezza svizzera e internazionale. Offre competenze in materia di politica di sicurezza nell’ambito della ricerca, dell’insegnamento e della consulenza. Il CSS promuove la comprensione delle sfide della politica di sicurezza come contributo a un mondo più pacifico. Il suo lavoro è indipendente, orientato alla pratica e basato su una solida base accademica. Combina ricerca e consulenza politica e, in quanto tale, funge da ponte tra il mondo accademico e la pratica.

Relatori:

Picture without Tie

Matteo E. Bonfanti

Matteo E. Bonfanti, Ph.D, è Senior Researcher presso il Centro per gli Studi sulla Sicurezza del Politecnico Federale di Zurigo (ETH – Center for Security Studies). Matteo svolge attività di ricerca e analisi riguardanti lo sviluppo e l’adozione di nuove o emergenti soluzioni organizzative, tecniche e tecnologiche per prevenire e/o contrastare minacce di natura convenzionale o cibernetica. Matteo ha conseguito il dottorato di ricerca presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.